aprile 13, 2022

Gibilterra in bici







</p> <h1></h1> <p>
Gibilterra

Percorso fatto in parte nel 2020 e in parte nel 2023.

Le tracce gpx e per Google earth sono scaricabili dalla prima pagina: Eurovelo 8.

La Senda litoral per ora finisce in un parcheggio 1,5 chilometri prima di Punta Chullera che segna il confine tra le province di Malaga e Cadiz. Noi riprendiamo da qui entrando con una rotonda nella strada a 4 corsie aperte anche alle bici e ai cavalli (non c’è alternativa per andare a Gibilterra).

La Línea de la Concepcíon

Alla successiva rotonda, dopo 2,5 chilometri, possiamo uscire dalla A7 prendendo a sinistra per Torreguadiaro. Gibilterra è sullo sfondo.

La Línea de la Concepcíon

Entriamo nel porto turistico,

La Línea de la Concepcíon

ne facciamo il periplo e ne usciamo con il ponte sul fiume Guadiaro.

La Línea de la Concepcíon

Ancora un tratto lungo il mare e poi una recinzione blocca qualsiasi possibilità di tentare sentieri lungo il mare.

La Línea de la Concepcíon

Costeggiamo la recinzione che ci porta in una urbanizzazione di ville. Dopo la sbarra di uscita che si apre automaticamente (il passaggio è libero) giriamo a sinistra e seguiamo la complanare dell’autostrada. Dopo circa 7 chilometri seguiamo l’indicazione per La Linea de la Concepcion ma, alla rotonda, invece di prendere la strada a 4 corsie la superiamo e sulla destra compare il passaggio nelle foto sotto.

La Línea de la Concepcíon

La Línea de la Concepcíon

C’è un cancelletto fissato sopra e sotto con un cappio e dietro la ciclabile.

La Línea de la Concepcíon

Non capiamo perché l’ingresso sia così strano: hanno finito i soldi e la devono ancora completare? Il sentiero è agevole

La Línea de la Concepcíon

e offre delle vedute spettacolari sulla Rocca di Gibilterra.

La Línea de la Concepcíon

Dopo un po’ la pista confluisce su una stradina asfaltata e poi riprende come ciclabile.

La Línea de la Concepcíon

La Línea de la Concepcíon

Al primo incrocio con una strada veicolare troviamo un cartello che svela il mistero: si dice che nel punto più in alto c’è una passerella che scavalca la A7 per collegarsi con un’altra ciclabile; ma la passerella non c’è.

La Línea de la Concepcíon

Sotto, lo sbocco della ciclabile sulla strada veicolare.

La Línea de la Concepcíon

Il secondo tratto della ciclabile termina in una strada di grande traffico quindi noi lasciamo la pista e andiamo a sinistra sulla strada veicolare verso La Linea de la Concepcion. Qui troviamo sul lungomare una ciclabile

La Línea de la Concepcíon

al termine della quale saliamo sul marciapiede e passiamo davanti al porto.

La Linea de la Concepcion

Superiamo a sinistra il villaggio dei pescatori e sbuchiamo alle spalle della chiesa di Nuestra Señora del Carmen.

La Linea de la Concepcion

Saliamo sul marciapiede lato mare e iniziamo il lunghissimo lungomare.

La Linea de la Concepcion

Pedaliamo sempre sul marciapiede lato mare fino ad una passerella di legno

La Linea de la Concepcion

che ci porta su un altro pezzo di lungomare con la rocca di Gibilterra che incombe.

La Linea de la Concepcion

Ora seguiamo la strada che ci porta al confine: nessuna formalità per ciclisti e pedoni. Siamo ora in territorio inglese. Il nostro obbiettivo è l’Europa point da cui fotografare l’Africa. All’inizio traffico caotico che diminuisce ma mano che ci avviciniamo alla punta. Superiamo due corte gallerie

Gibilterra

Gibilterra

e ci fermiamo per fare una foto al mare “trafficato”.

Gibilterra

In alto c’è una cascata artificiale fatta dalle acque di scarto dell’impianto di desalinizzazione.

Gibilterra

Adesso ci attende una lunga galleria ma con la corsia riservata ai pedoni, e anche a noi.

Gibilterra

Alla fine della galleria sbuchiamo nel parcheggio di Europa point con la moschea

Gibilterra

e il faro.

Gibilterra

Purtroppo il giorno non è dei migliori per vedere l’Africa.

Gibilterra

Termina qui la nostra pedalata lungo il Mediterraneo occidentale e ora passiamo sulla costa dell’oceano Atlantico. Per ora saltiamo lo Stretto di Gibilterra e la prima parte della Costa de la Luz e pedaliamo

da Conil de la Frontera a Cadice