ottobre 8, 2022

Ciclovia dell’acqua: 2) Cisternino-Alberobello






Valle d'Itria ciclovia dell'acqua

Abbandoniamo la ciclopedonale poco dopo la torretta del chilometro 223,712 prendendo a destra.

Locorotondo

La ciclopedonale per ora termina qui e si continua con strade vicinali segnate come “percorso ciclabile”. Ritroveremo un breve tratto di pista di servizio poco più avanti.

Figazzano Cisternino

Dopo l’incrocio si prosegue diritto su asfalto parallelo al canale per 1 chilometro fino a raggiungere l’area attrezzata (sotto).

Figazzano Cisternino

Da qui è possibile percorrere ancora 500 metri di pista di servizio (non trasformata in ciclabile)

Figazzano Cisternino

fino al cancello di uscita sulla provinciale Cisternino-Locorotondo.

Figazzano Cisternino

Il canale prosegue per ancora 500 metri, non percorribili,

Figazzano Cisternino

ed entra in galleria (sotto, il punto di ingresso).

Figazzano Cisternino

Pertanto allo sbocco sulla provinciale prendiamo a sinistra e subito dopo una strada vicinale a destra. Ritroveremo il canale dopo 6 chilometri di strade di campagna asfaltate. Dopo un po’ di salita pedaliamo sul crinale della collina con qualche slalom tra i trulli

Locorotondo

fino alla provinciale Locorotondo-Trito. Qui all’incrocio andiamo diritto

Locorotondo

e, quando inizia la discesa, scorgiamo in fondo una torretta di ispezione dell’acquedotto.

Locorotondo

L’acquedotto corre in mezzo ai campi senza pista di servizio, quindi continuiamo sulle vicinali cercando il percorso più breve e con meno dislivello per raggiungere il punto dove ricomincia la pista di servizio. Sbuchiamo sulla statale 172 e, dopo 200 metri, prendiamo la prima a sinistra per contrada Maccomacco. Prendiamo una diramazione a destra e dopo un boschetto con punto picnic,

Locorotondo

incontriamo nuovamente il canale

Locorotondo

al chilometro 217,566.

Locorotondo

Questo tratto di canale non è stato ancora reso ciclabile come quello della Valle d’Itria. Di seguito lo stato della pista di servizio nell’autunno 2022.
All’inizio si presenta come uno sterrato compatto, a volte con un po di pietrisco leggero,

AQP Canale di Pirro

e si pedala tra campi e trulli. Si prosegue quindi sul canale dell’acquedotto all’interno del bosco, con una alternanza di tratti sterrati e tratti pietrosi attraversando anche alcuni ponti-canale.

AQP Canale di Pirro

AQP Canale di Pirro

AQP Canale di Pirro

Scavallata la collina di San Marco, sulla destra compare una magnifica vista sul Canale di Pirro.

AQP Canale di Pirro

Lo sterrato termina dopo 4,2 chilometri con un ultimo tratto molto bello.

AQP Canale di Pirro

La torretta del km 213,544 segna l’ingresso del canale in galleria: impossibile proseguire.

AQP Canale di Pirro

Si torna indietro di 400 metri e si prende la stradina asfaltata che sale. È la parte più difficoltoso del percorso: prima una ripida salita di 700 metri (foto in senso opposto),

AQP Canale di Pirro

poi un un’altrettanto ripida discesa.

AQP Canale di Pirro

Alla fine della discesa si prende a destra e subito ancora a destra un tratturo pieno di pietre: molto scomodo.

AQP Canale di Pirro

Dopo 700 metri di tratturo compare nuovamente il canale con la torretta del chilometro 213,144.

AQP Canale di Pirro

Si prosegue per 3,5 chilometri sulla pista di servizio in terra battuta e rocce con molti ponti-canale.

AQP Canale di Pirro

AQP Canale di Pirro

AQP Canale di Pirro

AQP Canale di Pirro

La pedalata è molto bella in mezzo al bosco e con una magnifica vista a destra sulla valle del canale di Pirro.

AQP Canale di Pirro

Si giunge quindi a un cancello chiuso il cui stato illustra la lotta tra ciclisti che vogliono passare e massaro che fa pascolare vacche e cavalli sul canale dell’acquedotto.

AQP Canale di Pirro

Non si sa se ne ha diritto oppure è un abuso tollerato da AQP. I ciclisti della zona scavalcano normalmente i cancelli e noi nel 2019 li abbiamo seguiti. Il tratto è lungo un chilometro e termina con un altro cancello chiuso (sotto)

AQP Correggia

che bisogna scavalcare per entrare sulla provinciale 113. Dall’altra parte della strada l’acquedotto prima scompare nei campi, poi prosegue con un ponte-canale non trasitabile e infine ricompare attraversando la SS172 dopo Alberobello. È inutile quindi fare la fatica di sollevare 2 volte la bici anche perché il tratturo sulla destra del primo cancello semidistrutto,

AQP Canale di Pirro

di difficile transito in passato, è stato sistemato ed è diventato transitabile.

AQP Canale di Pirro

AQP Canale di Pirro

Il sentiero è lungo 600 metri e ci porta sulla SP81 del canale di Pirro da cui raggiungeremo la SS172.